Sostenibilità quotidiana

Focus / Focus sullo scatto
Richard Drury
1173370039
Julia Holliday
ott 17, 2019
Il fotografo britannico Richard Drury ha passato l’ultimo anno lavorando su un servizio di still life concettuale, concentrandosi su concetti chiave che i nostri clienti vorrebbero poter rappresentare in modi nuovi e originali. Per questa nuova serie, abbiamo voluto riflettere su idee e domande riguardo la sostenibilità. Il nostro obiettivo era quello di produrre immagini che rappresentino valori legati al mondo green e alla consapevolezza ambientale in maniera contemporanea.

Dopo molte discussioni, dopo aver condiviso svariate fonti di ispirazione e abbozzato il nostro progetto, Richard si è messo a lavoro nel suo studio. La prima parte della serie è composta da oggetti riciclabili accatastati con cura, uno sopra l’altro, spesso traballanti e al punto di crollare. Mettendo insieme oggetti scartati, volevamo creare una nuova forma vivente che servisse da metafora per il cambiamento, l’equilibrio e la fragilità.

Richard spiega: “Volevo mostrare la bellezza insita negli oggetti comuni, nelle cose usa e getta e in quelle buttate via senza cura, volevo comunicare un senso di equilibrio tra ambiente e consumismo.

La ‘pila di oggetti’ fa nascere domande su come noi vediamo gli imballi che utilizziamo e buttiamo tutti i giorni. Abbiamo scelto oggetti immediatamente riconoscibili e che riflettono un particolare settore, permettendo a ciascuna immagine di rivolgersi ad una particolare fetta di pubblico. Un’attenta considerazione è stata fatta anche sull’uso dei colori e delle tonalità. La "pila di oggetti" è costruita con una certa eleganza, un senso di equilibrio, di sfida alla gravità.

La seconda parte della serie è meno complessa. Si tratta di composizioni grafiche realizzate in studio che ritraggono oggetti quotidiani ‑ borse della spesa, bicchierini del caffè, bottiglie d’acqua. Il messaggio in questo caso è inequivocabile e pone una domanda diretta all’osservatore: "Cosa scegli? La cultura della sostenibilità e della longevità oppure quella della gratificazione istantanea e dello spreco?"
Nuoto sincronizzato: sport senza età