Project #ShowUs ai Cannes Lions

Repicture / Partnership
Isabella Dias
1062706748
Rebecca Swift
lug 25, 2019
Sono passate alcune settimane da quando il clamore dei Cannes Lions si è spento, ma molti degli spunti che sono stati condivisi riecheggiano ancora nella mia mente. L’edizione 2019 dei Cannes Lions è stata quella in cui le parole si sono trasformate in azione, con temi fondamentali e dialoghi incentrati sulla diversità e l’inclusione.

Quello che è emerso chiaramente è che uguaglianza, inclusività e diversità non sono più solo termini alla moda, ma sono diventati degli imperativi per le aziende. Quest’anno i Cannes Lions hanno aggiornato le linee guida che definiscono il metodo di giudizio della competizione, e hanno anche chiesto ai membri della giuria di considerare se i lavori in gara rappresentano ritratti stereotipati di genere, età, razza, etnia, disabilità o altri preconcetti, in modo da aiutare ad identificare la presenza di stereotipi dannosi nei contenuti pubblicitari.

Noi di Getty Images condividiamo il pensiero che la creatività possa condurre a cambiamenti sociali positivi tramite la lotta agli stereotipi pericolosi. Il premio Silver Glass Lion vinto dal nostro Project #ShowUs è il riconoscimento dell’impegno di Getty Images, Dove, Girlgaze e Publicis Sapient nel cercare di eliminare gli stereotipi.
Uguaglianza, inclusività e diversità non sono più solo termini alla moda, ma sono diventati degli imperativi per le aziende.
Questo era anche il tema principale del dibattito del comitato di cui io facevo parte ai Cannes Lions, – Time to Step Up: Smashing Beauty Stereotypes – insieme ai nostri partner Dove, Girlgaze e Shonda Rhimes, uno degli storyteller di maggior successo e di maggior impatto di questa generazione. E questo è il motivo della nostra presenza ai Cannes Lions, perché è giunto il momento per tutti quelli del nostro settore di farsi avanti e cambiare il modo in cui le donne e le persone di genere non‑binario vengono rappresentate sui media.

Tutti sappiamo che in ogni parte del mondo c’è una determinata ‘idea’ di bellezza. Che una donna sia bionda e magra o pallida e con i capelli scuri, tutte vengono bombardate ogni giorno dai media, fin da quando sono ragazzine, su come dovrebbero apparire. Di fatto, l’effetto di questi bombardamenti è talmente dannoso che le donne non osano dire o dimostrare apertamente quello che vogliono nella vita. E’ ora di dire basta.
Meritiamo di vedere rappresentazioni autentiche, che riflettano la bellezza nella sua unicità e varietà, lontana dagli stereotipi che l’industria continua a proporci. All’inizio di quest’anno, i nostri collaboratori di Dove hanno commissionato una ricerca dalla quale è emerso che il 67% delle donne americane vorrebbe che i brand prendessero una posizione e si assumessero la responsabilità dello stock di immagini che usano nelle loro campagne pubblicitarie.

Io avevo precedentemente parlato del grande potenziale della nostra collezione Project #ShowUs. Oggi mi sembra chiaro che abbiamo raggiunto un momento storicamente cruciale in cui le donne dicono “Quando è troppo è troppo”; hanno bisogno di essere rappresentate con genuinità e c’è bisogno che questo avvenga immediatamente. I brand non dovrebbero avere paura di perdere profitti mostrando la vera diversità, perché funziona! I consumatori rispondono bene e rispettano i brand che lo fanno, infatti tendono ad acquistare più prodotti quando associano a quella marca i giusti valori e un buon lavoro di comunicazione.
I brand non dovrebbero avere paura di perdere profitti mostrando la vera diversità, perché funziona!
Getty Images sta creando queste immagini autentiche dal 2014, quindi perché, se le scelte sono a portata di mano, l’industria rimane indietro? In linea generale, le donne sono arrivate fino a questo punto nel corso degli ultimi 100 anni, ma soprattutto negli ultimi due anni con #MeToo. Noi abbiamo il compito di impedire che le nuove generazioni siano costrette ad affrontare le avversità che abbiamo incontrato noi stessi, e questa battaglia comincia da te.

Quindi voglio farvi una domanda: vi farete avanti supportando Project #ShowUs e stimolando un cambiamento necessario nel mondo dell’industria?
The Disability Collection