Giorno della terra: l’ambiente durante il COVID-19 e oltre

Tendenze / Sostenibilità
Malte Mueller
1138909650
Rebecca Swift
apr 21, 2020
Fino al mese scorso, abbiamo registrato una crescita nell’interesse e nell’uso di immagini relative ai problemi ambientali e abbiamo visto tendenze sulla sostenibilità diffondersi nei diversi settori con i quali lavoriamo. La ricerca Visual GPS di Getty Images elaborata a febbraio indicava che il 92% dei consumatori, sparsi in 26 Paesi, era preoccupato del modo in cui l’uomo tratta il pianeta, con un 85% particolarmente impensierito per l’inquinamento atmosferico.

E mentre il cambiamento climatico porta a incendi, inondazioni e riscaldamento globale, la rappresentazione visiva delle problematiche ambientali da parte delle aziende si concentrava su immagini relative allo stile di vita quotidiano e lavorativo con bicchierini del caffè, bottiglie d’acqua e sacchetti della spesa riutilizzabili. Esisteva una connessione visiva tra l’attenzione per l’ambiente e la scelta personale legata alla convenienza.

La crisi ambientale del 2006, alimentata dal documentario Al Gore’s Inconvenient Truth e dalla persistente iconografia dell’orso polare sulla calotta glaciale in scioglimento è tramontata con la crisi finanziaria del 2008 e la successiva recessione. Non abbiamo più visto trend di immagini simili fino a 18 mesi fa. Questo fa sorgere istintivamente una domanda …cosa ne sarà dell’attenzione verso l’ambiente durante la crisi dovuta al COVID‑19?
Finora, mentre la maggior parte di noi si è concentrata sulla nuove e immediate ripercussioni finanziarie, i cittadini stanno scoprendo che l’ambiente costituisce una parte molto più grande delle nostre vite.

In un periodo di tempo estremamente breve, abbiamo acquisito una maggiore consapevolezza del nostro impatto sul pianeta. Le acque del canale di Venezia sono tornate limpide e i pesci sono riapparsi, i livelli di ossido di azoto in Cina sono di un terzo inferiori rispetto allo scorso anno, la fauna selvatica sta sconfinando in nuovi spazi, i livelli di monossido di carbonio nella città di New York si sono dimezzati. Questa condizione sta cominciando a essere evidente e, con ogni probabilità, ci porterà a riconsiderare con accortezza i nostri viaggi di lavoro, anche in termini di costo, una volta che le attuali restrizioni verranno allentate. La vita domestica è un’alternativa personale e rispettosa dell’ambiente.
A Getty Images, sostenibilità (aumento del 142% rispetto lo scorso anno) e vita sostenibile (+201%) stanno andando in controtendenza rispetto all’attuale comportamento di ricerca. Mentre solitamente vediamo un aumento dell’interesse verso l’ambiente proporzionale alla crescita economica e un decremento dell’attenzione quando l’economia attraversa momenti grigi, durante la crisi dovuta al COVID‑19 l’ambiente sembra essere diventato insolubilmente legato al benessere. I governi di tutto il mondo hanno creato un’associazione tra prendersi cura di noi stessi e le nostre famiglie e passare più tempo all’aperto. La nostra attività fisica quotidiana è connessa al correre/camminare o pedalare fuori casa. Comprensibilmente, visualizzare singole persone/coppie/famiglie all’aperto, ma in assenza di socializzazione, è la chiave per incontrare gli interessi attuali dei consumatori, infatti abbiamo riscontrato un incredibile 766% di aumento nelle ricerche relative a persone e spazi aperti. Ci aspettiamo che l’attenzione verso l’ambiente cresca ancora, con un particolare interesse verso gli spazi all’aperto e la visualizzazione di persone libere di muoversi in paesaggi e ambienti non affollati, per rispecchiare i nostri desideri. Curiosamente, le agenzie di viaggio, colpite duramente dal COVID‑19, si sono già concentrate sulla creazione di scenari attraenti e con la presenza di molte meno persone rispetto a prima.

Dunque, mentre prendiamo dimestichezza nel documentare la vita domestica, i nuovi modi di lavorare e gli alti e bassi del vivere insieme, i contenuti visivi si sposteranno dai soliti soggetti a cui siamo abituati a ciò da cui traiamo piacere. Attualmente, la vita all’aria aperta è limitata da alcune restrizioni che però pian piano spariranno e questo permetterà di riconnetterci con la natura e trovare ispirazione e pace negli spazi aperti, che dunque continueranno a essere percepiti come forma di piacere (e libertà)!
Visual GPS: Sostenibilità