For The Love Of My People

Focus / Focus sullo scatto
Curtis Essel
1132797321
Rachel Brinton Matthews
mar 19, 2019
In "For The Love Of My People", il regista Curtis Essel omaggia il poeta, cantante e teologo Jillian M. Brown. Esplorando il tema della mascolinità e dell’identità, "For The Love Of My People" ritrae una vasta gamma di uomini, dai più giovani agli anziani, tutti ripresi nella loro vita reale. Evoluzione del trend Masculinity Undone, il film ben si sposa con la poetica di Brown, con ritratti che riflettono la varietà delle esperienze "maschili".

Anche se scritta prima dell’attuale discorso sulla mascolinità tossica, la prosa di Brown può essere vista in questo contesto per riflettere queste preoccupazioni contemporanee, evidenziando ciò che gli uomini "imparano" sin dalla nascita e l’importanza della riflessione su sé stessi. "Studierò me stesso. Per scoprire chi sono diventato. Scoprirò come la mia mente è stata influenzata, sin dal momento della mia nascita."

La splendida composizione del film nutre la storia; la luce naturale illumina i volti di barbieri e boxeur, mentre le inquadrature con angolazioni basse danno potere ai giovani uomini sui loro destrieri a due ruote.

I media stanno lentamente iniziando a sfidare i canoni visivi tradizionali per rappresentare l’uomo (Gillette "The Best a Man Can Be" è un esempio recente) e il film di Curtis è perfetto per portare al livello successivo questa discussione sulla mascolinità, sfidando gli stereotipi e celebrando la varietà dell’uomo e delle sue esperienze di vita.
Creare mondi futuri